fbpx

Magazine

5 cose da vedere a Buonconvento

Immerso nell’incantevole scenario delle Crete Senesi, Buonconvento è un suggestivo paesino dall’atmosfera medievale inserito tra “I Borghi più Belli d’Italia“. Circondato da una robusta cinta muraria trecentesca, domina la confluenza dell’Arbia nell’Ombrone. Il paese, rimasto pressoché intatto per secoli, ha subito notevoli trasformazioni nel corso dell’Ottocento, con l’edificazione di fabbricati in prossimità delle mura. Il cuore del centro storico è Via Soccini, sulla quale affacciano diversi monumenti e luoghi d’interesse.

Cosa vedere a Buonconvento? Ecco 5 cose da non perdere!

#1 – Museo d’Arte Sacra della Val d’Arbia

Una delle principali attrazioni di Buonconvento è il Museo d’Arte Sacra della Val d’Arbia, ospitato nelle eleganti sale in stile liberty dell’ottocentesco palazzo Ricci-Socini. Al suo interno custodisce una straordinaria collezione di opere d’arte sacra (dipinti, sculture, oreficerie tessili) provenienti dalle pievi sparse in Val d’Arbia, a testimonianza della vivacità culturale che ha da sempre caratterizzato questo territorio. La collezione iniziò a prendere forma nel 1926 grazie al parroco don Crescenzio Massari, che radunò tutte le opere rintracciate nelle sagrestie e nei depositi delle varie chiese. Tra gli artisti presenti si segnalano Duccio di Buoninsegna, Pietro Lorenzetti, Sano di Pietro, Matteo di Giovanni, Girolamo di Benvenuto, Bernardino Mei, Francesco Vanni e Pietro Sorri.

#2 – Museo della Mezzadria Senese

Di notevole interesse è anche il Museo della Mezzadria Senese, allestito nei suggestivi spazi di un’antica fattoria, di cui conserva inalterate le principali strutture architettoniche. Inaugurato nel 2002, racconta un mondo rurale ormai scomparso che ha caratterizzato le campagne senesi fino alla seconda metà del XX secolo. Il museo ricrea e rievoca questo mondo attraverso foto d’epoca, oggetti originali, passi letterari, musiche, filmati e documenti d’archivio. Oltre a postazioni multimediali e personaggi parlanti che rimandano alle figure tipiche della fattoria (il proprietario, il fattore, il capoccia e la massaia), sono stati ricostruiti alcuni ambienti tipici della civiltà contadina.

#3 – Chiesa di San Pietro e Paolo

La Chiesa di San Pietro e Paolo è il principale edificio religioso di Buonconvento. Come si ricava dall’iscrizione su una pietra posta sul lato sinistro della facciata, fu fondata agli inizi del XII secolo ma il suo attuale aspetto classicheggiante è frutto di una ristrutturazione settecentesca. In questa chiesa, secondo fonti storiografiche, morì nel 1313 l’Imperatore del Sacro Romano Impero, Arrigo VII. Al suo interno si possono ammirare alcune pregevoli opere di scuola senese, tra le quali spiccano una tavola dipinta raffigurante la Madonna col Bambino di Matteo di Giovanni e un affresco di Sano di Pietro rappresentante l’incoronazione della Madonna.

#4 – Oratorio dell’Arciconfraternita della Misericordia

Un altro edificio sacro da non perdere è l’Oratorio dell’Arciconfraternita della Misericordia, già oratorio della Compagnia di San Sebastiano. Si trova di fronte alla Chiesa dei Santi Pietro e Paolo e risale, secondo fonti documentarie, al XVI secolo. Molti dei suoi arredi sono conservati nel Museo d’Arte Sacra della Val d’Arbia. Tra gli oggetti rimasti in loco figurano due calici in legno dipinto del XVI secolo, un quattrocentesco piatto da cerimonia in ottone sbalzato e un crocifisso del XV secolo. Di grande pregio è il cancelletto di ferro battuto che introduce all’oratorio, realizzato agli inizi del Novecento dalle officine Zalaffi.

#5 – Pieve di S. Innocenzo a Piana

Infine, in località Piana, a pochi chilometri dal centro di Buonconvento, merita una visita la Pieve di S. Innocenzo. La chiesa, della cui fondazione non si hanno notizie certe, è documentata dalla seconda metà dell’XI secolo. Formata da diversi corpi di fabbrica aggregati, presenta l’aspetto di una grancia o di una fattoria fortificata sul tipo della vicina grancia di Cuna, dell’Ospedale del Santa Maria della Scala di Siena. In origine l’interno era completamente decorato da pitture murali, delle quali oggi sono visibili solo alcuni frammenti.

Foto Museo d’Arte Sacra della Val d’Arbia © Musei Buonconvento | Museo della Mezzadria Senese © Musei Buonconvento | Chiesa di San Pietro e Paolo © Aletes Onlus | Oratorio dell’Arciconfraternita della Misericordia © LigaDue | Pieve di S. Innocenzo a Piana © Comune di Buonconvento

Facebook
Twitter
LinkedIn

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commento
Nome*
*

Parlano di noi