fbpx

Magazine

5 cose imperdibili da vedere a Firenze

Firenze non ha certo bisogno di presentazioni: è una delle città più belle al mondo ed è una sorta di museo a cielo aperto dove anche la più piccola strada ha qualcosa di unico e sbalorditivo da rivelare. Ha accolto alcuni dei più grandi artisti di tutti i tempi ed è ricca di monumenti, musei, opere d’arte, palazzi e chiese. Sono così tante le meraviglie da scoprire che non basterebbe un mese per vederle tutte. Per chi ha poco tempo a disposizione, ecco le 5 cose da vedere a Firenze per poter dire di aver visitato veramente la città.

#1 – Piazza del Duomo

Piazza del Duomo è il cuore della città, dove si possono ammirare con un solo colpo d’occhio i più importanti edifici religiosi di Firenze. La piazza è dominata dall’imponente facciata della Cattedrale di Santa Maria del Fiore, la terza chiesa al mondo per grandezza nonché uno dei massimi capolavori dell’architettura gotica italiana. La sua magnifica cupola, che svetta fiera nel cielo fiorentino, incanta chiunque la osservi. Di fianco alla cattedrale si erge il Campanile di Giotto, altro eccellente esempio di architettura gotica. Una delle sue caratteristiche più affascinanti è la ricca decorazione scultorea. Di fronte alla cattedrale si trova invece il Battistero di San Giovanni, uno dei luoghi di culto più antichi di Firenze, in cui si fondono fede, storia e arte.

#2 – Piazza della Signoria

Piazza della Signoria è uno dei luoghi simboli della città gigliata. È circondata da monumenti e da edifici di grande importanza storica ed architettonica, il più caratteristico dei quali è senza dubbio Palazzo Vecchio. Al suo interno è allestito un museo che ripercorre le vicende politiche e la storia artistica di Firenze. Tra i capolavori presenti si segnalano la Giuditta di Donatello e il Genio della Vittoria di Michelangelo. Di fronte all’ingresso di Palazzo Vecchio si trova la Loggia dei Lanzi, che custodisce sculture di inestimabile valore artistico come il Perseo di Benvenuto Cellini. Al centro della piazza si possono ammirare: il monumento equestre di Cosimo I, realizzato dal Giambologna; e la Fontana del Nettuno, realizzata da Bartolomeo Ammannati e da alcuni suoi allievi.

#3 – Gli Uffizi

Oltre che per le splendide architetture, Firenze è nota anche e soprattutto per il suo immenso patrimonio museale. Gli appassionati di arte non possono perdersi gli Uffizi, considerati in assoluto il miglior museo del mondo. La galleria è allestita al primo e al secondo piano di un palazzo eretto tra il 1560 e il 1580 su progetto di Giorgio Vasari. Nelle sue sale è custodita una delle più importanti collezioni di sculture antiche e di pitture. In particolare, le raccolte di dipinti comprendono capolavori di artisti del calibro di Giotto, Botticelli, Beato Angelico, Raffaello, Michelangelo, Caravaggio, Goya e Rembrandt. Non meno interessante è la collezione del Gabinetto dei Disegni e delle Stampe, composta da oltre 177.000 esemplari.

#4 – Ponte Vecchio

Un’altra attrazione di Firenze da non perdere è Ponte Vecchio, uno dei ponti più famosi al mondo. Nel corso dei secoli è stato più volte ricostruito: la prima costruzione risale all’epoca romana ma deve la sua forma attuale alla ricostruzione del 1345. Il ponte collega il centro storico con la zona est della città, chiamata dai fiorentini “Diladdarno”. Nei due portici laterali ospita esclusivamente botteghe di orafi e gioiellieri. Tuttavia non è sempre stato così, un tempo era occupato da botteghe di pescivendoli, macellai e conciatori. Il ponte è sovrastato dal Corridoio Vasariano, un percorso sopraelevato progettato nel 1565 da Giorgio Vasari che, partendo da Palazzo Vecchio, permetteva ai Medici di raggiungere Palazzo Pitti, senza scendere in strada.

#5 – Giardino di Boboli

Firenze è una città straordinariamente ricca di giardini, tra i quali spicca il Giardino di Boboli, dove natura, arte, scienza ed alchimia si incontrano. Posizionato alle spalle di Palazzo Pitti, rappresenta uno dei più antichi esempi di giardino formale all’italiana. Fu iniziato nel XVI secolo per volontà dei Medici e ampliato dalle successive dinastie Lorena e Savoia. Passeggiando per il giardino, che si estende su una superficie di circa 45.000 metri quadrati, si possono ammirare statue antiche e rinascimentali, grotte e fontane. Tra le opere di maggior interesse si segnalano: il settecentesco edificio della Kaffeehaus, raro esempio di stile rococò in Toscana; e la Grotta del Buontalenti, capolavoro dell’architettura e della cultura manierista.

Facebook
Twitter
LinkedIn

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commento
Nome*
*

Parlano di noi